01/09/13

pilafi




Nel mio ambizioso progetto di avere lo scibile!!!!!  della cucina greca in questo blog, non può mancare il riso pilaf che lo usiamo per accompagnare le carni in umido, il pollo,  le verdure stufate. Personalmente lo adoro con lo yogurt ma in questo caso lo faccio con l’acqua e non con il brodo di carne.  Semplicemente metto  del riso pilaf in un piatto e ci verso sopra un vasetto di yogurt bianco intero. Mescolo e mangio. Molto austero ma mi si confà!



Ingredienti:
-          1 tazza  da tè di riso  (va bene il parboiled, ma anche l’arborio che ho usato qui)
-          2 ½ parti di acqua o brodo di carne
-          il succo di mezzo limone
-          sale
-          pepe nero macinato fresco
-          2 cucchiai di burro fuso
Procedimento:
In un colino a maglie fitte mettiamo il riso e lo laviamo sott’acqua corrente per far perdere dell’amido. Se il riso non è di ottima qualità meglio tostarlo dopo averlo lavato. Mettere quindi in una pentola senza aggiunta di grassi e tostare per 6 – 7 minuti. A dire il vero io lavo e tosto sempre qualsiasi tipo di riso se voglio fare il pilaf.
Mettiamo sul fuoco l’acqua o il brodo di carne e quando bolle versiamo il riso. Mescoliamo con una forchetta, versiamo il succo di limone, saliamo e pepiamo e chiudiamo con il coperchio.
In linea di massima ci vogliono 20 minuti perché il riso assorba il liquido. Dipendendo però ovviamente dalla qualità del riso, meglio controllare la situazione dopo 15 minuti e nel caso, aggiungere un po’ di liquido bollente. Se invece cuoce prima, scoliamo.
Versiamo il burro fuso, mescoliamo delicatamente, copriamo con un canovaccio e mettiamo sopra il coperchio, lasciamo riposare  per 10 minuti  e siamo pronti per servire.

Il libro della foto è il ricettario di Chrysa Paradisi, che sono andata a controllare se lavava il riso Si, si, sia Tselementès che Paradisi, lo lavavano! Anche io, modestamente!!!!



5 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

ho un vecchio ricettario della stessa autrice, continuo a tenerlo a portata di mano, è molto valido ! Mi ha incuriosito il pilaf fatto così, l'aggiunta del limone mi è nuova...Buona settimana cara, un bacione..

Luisa Piva ha detto...

e certo.. questo non poteva mancare.. è un po' come il pane che qui in Italia accompagnamo con tutto!
buono e perfetto

Edith Pilaff ha detto...

Hai postato un sacco di roba interessantissima ultimamente,e come potrei non amare I lpilafi/pilaff,considerato il mio nick?
La fava di cui tu parli e' proprio il pisello spezzato che si usa per fare il pease pudding qui.Che poi lo mettano in mezzo al pane e' una perversione tutta loro!Ma come sempre,ci sono dei "fili" che uniscono le cucine...
Un caro saluto.

grEAT ha detto...

@chiara
ti dirò, io lo consulto sempre quando si tratta di una ricetta tradizionale. è una pietra miliare! :)
buona settimana cara

@luisa
vero che non poteva mancare? :) semplice ma indispensabile!

@edith
e infatti, il tuo nick disvela eccome! :)
guarda, mai sono stata curiosa della cucina inglese, ma da quando ti conosco, devo dire che mi hai acceso la curiosita.
questo week end faccio il picalilli poi ti so dire.
il pease pudding non lo conosco, ora vado a vedere.
bacione e ben tornata! :)

matematicaecucina ha detto...

io semplicemente lesso il riso e lo condisco con poco burro e molto parmigiano, questa versione con lo yogurt però mi tenta...

Posta un commento