07/12/12

pita di porri e patate e pasta fillo con il metodo del sole


Per preparare la fillo in casa ci sono diversi metodi.  Oltre il metodo più comune, cioè tirare una sfoglia alla volta, esiste il “metodo del sole”.  Personalmente non lo usavo  per il semplice motivo che fino a qualche tempo fa  non lo conoscevo. 
Il risultato è diciamo modestamente strepitoso, con poca fatica e anche poca abilità nella tecnica, si ottengono tanti strati di fillo sottili e croccanti.
Dunque prepariamo per una teglia di diametro di 22 cm  un impasto con 300 gr. di farina 00, un pizzico abbondante di sale, due cucchiai da minestra di olio evo, un cucchiaio di vino bianco  e tanta acqua tiepida fino a ottenere un impasto liscio, elastico e abbastanza soffice: Formiamo un palla e lasciamo riposare per mezz’ora coperto con un tovagliolo.


Dividiamo l’impasto in due e infarinando abbondantemente il piano di lavoro sistemiamo sopra un pezzo. Infariniamo abbondantemente anche l’impasto e  con il mattarello tiriamo una sfoglia rotonda più sottile che possiamo,  cercando di non romperla.  Qui l’ho tirata meno sottile del mio solito, e devo dire che è sufficiente così.

Successivamente disegniamo un cerchio nel centro e quanti raggi desideriamo.
Imburriamo  con del burro sciolto  il sole e gli spicchi e pieghiamo uno spicchio alla volta sul cerchio. Imburriamo anche la parte esterna dello spicchio e seguitiamo finchè non abbiamo finito  con tutti gli spicchi.
Alla fine abbiamo questo risultato.
Copriamo con della pellicola e sistemiamo in frigo. Prepariamo così anche il secondo pezzo e mentre le sfoglie sono in frigo (almeno un’ora) prepariamo il ripieno.

Io qui ho fatto porri con patate. Ho pulito, lavato e tagliato a pezzi piccoli 2 porri (ho usato sia la parte bianca che verde) e ho messo a soffriggere con dello zenzero tagliato a striscioline nell’olio evo. Ho aggiunto un cucchiaino di dado vegetale (fatto in casa),  un mestolo di acqua e ho fatto stufare i porri per circa 20 minuti.

Ho fatto lessare 4 patate medie, le ho sbucciate e le ho ridotte in purea con una forchetta. Ho mischiato porri e patate, salato, macinato del pepe nero e aggiunto 4 cucchiaini di pecorino romano grattugiato. Ho lasciato riposare e raffreddare.

Quando il ripieno si sarà raffreddato bene, tiriamo dal frigo le sfoglie e infarinando abbondantemente il piano di lavoro e l’impasto,  tiriamo le sfoglie nelle dimensioni della nostra teglia. Una leggermente più grande. 
Oliamo la teglia, sistemiamo sopra la sfoglia più grande, versiamo il ripieno,  distribuiamo uniformemente e giriamo le eccedenze della sfoglia sul ripieno stesso.  Copriamo con l’altra sfoglia.  Oliamo la superficie e incidiamo la pita con un coltello affilato nel modo in cui la taglieremo una volta cotta. Spruzziamo con la mano qualche goccia di acqua fredda e inforniamo a 180 gradi per circa 40 minuti.

Note: ho usato il burro per la pasta, ma se preferiamo usiamo olio di buona qualità.  
Il numero di spicchi è a nostra discrezione.  Potete fare quanti ne ho fatti io, di più o anche di meno. Come volete voi.




22 commenti:

Gambetto ha detto...

Bingo!!!
Prometto che la provo quanto prima...
Una domanda...quanto inciderà secondo te sulla croccantezza\durezza della pasta l'uso esclusivo dell'olio...probabilmente un buon compromesso è un mix di olio e burro...
Sei un mito...e detto ad una greca ha nu sapore ancora più squisito! :P eheheheheh

Gambetto ha detto...

PS
usiamo la stessa farina che vedo nella foto :)))

Penelope ha detto...

Ένα θα σου πω Ειρήνη μου!
Πως ήρθε η ώρα του "ήλιου" :-)))
Και από τις φωτογραφίες που βλέπω, η πρώτη δοκιμή δικαίωσε το προσδοκόμενο. Ελπίζω ότι δεν κάνω λάθος...
Καλημέρες πολλές και καλό ΣΚ.

grEAT ha detto...

@gambetto
guarda, io con il metodo classico ho sempre usato l'olio per spennellare, ma con questo metodo ho preferito il burro per un effetto più friabile. forse "burro e olio" possano andare bene come compromesso, la blogger dove ho visto il procedimento ha usato margarina e olio. io la margarina non la uso, magari se sono strasicura che non è idrogenata forse dico forse la proverei. in ogni caso, sperimenterò con olio, e mix di burro e olio. se la provi fammi sapere X favore.

ps sul tuo ps. :)

ps mio: con il burro comunque diventa croccantina e friabile + che con l'olio!

grEAT ha detto...

@penelope
μακαρι πηνελοπη μου να ηρθε η ωρα του ηλιου, υπο ολες τις εννοιες, γιατι εδω βαρεθηκαμε και κουραστηκαμε πια. πανως σημερα βλεπω συννεφια!!!
φιλακια καλο σαββατοκυριακο

Roberta Morasco ha detto...

Ciao Irene!!!
Ma tu mi dai un sacco di spunti meravigliosi!!!
Premetto che la pasta fillo non riesco a trovarla da nessuna parte..:-/ ...ma chi se ne importa????
Tu mi hai dato la ricetta!!! :-)
E' fantastico il risultato poi con porri e patate dev'essere davvero buonissima!
Grazie, grazie, sei un fenomeno!
Buon w.e.! Roberta

ΕΛΕΝΑ ha detto...

Πρασοπατατόπιτα και μάλιστα με φύλλο ανοιγμένο με τα χεράκια σου, σκέτη νοστιμιά!
Οι φωτογραφίες σου λαχταριστές Ειρήνη μου!
Φιλιά!

Neli ha detto...

Καλημέρα πολύ ωραία φαίνεται η πιτούλα σου,θα ήθελα λίγη τώρα ,φιλιά.

Penelope ha detto...

Το Μιλάνο 2 φορές το έχω δει...και τις δύο είχε συννεφία Ειρήνη μου. Αλλά πάντα ο ήλιος κρύβεται πίσω από τα σύννεφα (έτσι δεν είναι;).
Καλή ξεκούραση για σήμερα...

maria mas. ha detto...

Αγαπώ πολύ τις πίτες και το πράσο! Το φύλλο σου φαίνεται εκπληκτικό!
Θα το δοκιμάσω με την πρώτη ευκαιρία.
Καλό Σαββατοκύριακο :)

lalexa ha detto...

splendida !grazie per questa super ricetta!

grEAT ha detto...

@roberta
grazie! con questo metodo secondo me si può azzardare persino un baklavas. ci proverò una volta o l'altra. se fai tu qualcosa nel frattempo fammi sapere.
un abbraccio

@elena
δοκιμασα αυτην την μεθοδο του ηλιου και κατενθουσιαστικα. λιγος κοπος, μεγαλο αποτελεσμα. πρασα και πατατες, ναι, τελεια, και χειμωνιατικα!

@neli
σε ευχαριστω νελη μου. την γεμιση την εκανα με ο,τι ειχα, αυτο που ηθελα να δοκιμασω ηταν το φυλλο με την μεθοδο του ηλιου. πολυ καλη εγινε.
φιλακια

@penelope
τωρα αν σου πω οτι χιονιζει με τεραστιες νυφαδες με πιστευειs????? :)
χιονισμενα χριστουγεννα θα εχουμε

grEAT ha detto...

@maria mas
το φυλλο εγινε υπεροχο χωρις κοπο με αυτην την μεθοδο. τοσα χρονια φιαχνω πιτες και να μην την γνωριζω???? αλλα οπως λεει και η παροιμια καλιο αργα παρα ποτε!

@lalexa
ma grazie a te.

nadia ha detto...

Fantastica! Questa la devo provare. Vorrei sapere quanto deve essere sottile la sfoglia per la teglia. Grazie

grEAT ha detto...

@nadia
io ho passato degli anni a tirare sfoglie su sfoglie!!!! :)
3 -4 millimetri va bene.
un abbraccio e grazie a te

Μarion, ha detto...

To πράσο όπου κι αν μπει είναι πολύ ωραίο.

Η πίτα σου έγινε πολύ ωραία Ειρήνη και το φύλλο φαίνεται καταπληκτικό.
Οντως αυτή η μέθοδος του φύλλου είναι εύκολη και έχει τέλειο αποτέλεσμα. δεν το έχω δοκιμάσει ακόμα..

Φιλιά πολλά

Chiara Giglio ha detto...

ho la pasta fillo in frigo e credo proprio che ti copierò la ricetta, grazie ! Buona domenica, un bacione....

edvige ha detto...

Cosi a vedere sembra facile poi è l'atto pratico....una specie di pasta fillo la faccio da anni per lo strudel vecchia ricetta di nonna ungherese. Il sti strudel preveva acqua,farina,sale e stendere moooolto sottile, Infatti riesce sempre bruttissimo ma super buono ma questo sistema mi attira la voglio provare visto che la pasta fillo l'adoro.
Grazie cara un abbraccio buona doemnica.

Kitchen Stories ha detto...

Τι όμορφη και τόσο λαχταριστή αφού πεθαίνω για πίτες...
Το φύλλο με τη μέθοδο του ήλιου δίνει πάντα εξαιρετικά αποτελέσματα, όπως το δικό σου εδώ!

Φιλιά Ειρήνη μου!
Z.

Enrica ha detto...

Che bontà meravigliosa... no, mi ha fatto venire una fame, una voglia! Non trovo la pasta filoooooooooo che rabbia!!!

๓คקเ ha detto...

Geniale il metodo degli spicchi, grazie per la dritta!!!! In questo modo si creano tanti strati con un solo strato!
Devo assolutamente cimentarmi nella fillo, anche perché non sono mai riuscita a trovarla, e sì che abito in provincia di Milano!
Un bacione!

grEAT ha detto...

@ mapi
ti devo procurare il mattarello! :) poi magari ci si incontra e ti do qualche dritta!!!! :)

Posta un commento