19/07/17

melahrini / torta mora di noci


torta di noci

La melahrinì (mora) non è che una golosissima torta di noci, un classico che si trova in tutto il paese. Si prepara più o meno allo stesso modo ovunque e gli ingredienti che si usano sono pressoché identici: noci, uova, zucchero e spezie, nello specifico cannella e chiodi di garofano che usiamo tutti quanti in modo quasi spregiudicato e poi via con lo sciroppo!
La ricetta che ho seguito è stata presentata da Elias Mamalakis in una puntata girata all’isola cicladica di Naxos avendo come tema centrale “le spezie”. Ma le spezie che vengono impiegate a Naxos in questa torta non sono una prerogativa della bella isola. Sono le medesime che si usano anche nei paesini del Monte Pelion dove pure la torta è molto popolare, così come in tutte le località dove si prepara. Cannella e chiodi di garofano insieme alle noci le conferiscono quel colore scuro che le ha regalato il suo nome. Mora quindi, in contrapposizione alla bionda (xanthià) che è la torta alle mandorle. Mora vs bionda, dilemma eterno!

La preparazione della melahrinì molto semplice, come del resto lo sono tutti i dolci della pasticceria greca. Accorgimenti particolari non ci sono, fatto salvo il consiglio della chef Dina Nikolaou, proprietaria del ristorante “Evì Evàn” che ha vinto il premio del miglior ristorante di cucina straniera a Parigi per il 2017.

Al momento di sciroppare, la torta deve essere completamente fredda e lo sciroppo tiepido. In questo modo lo sciroppo viene assorbito meglio e la torta mantiene la sua texture e non diventa una massa papposa!

Secondo la chef è la regola che vale per tutti i dolci del tipo “pan di spagna”, contrariamente ai dolci con pasta fillo che richiedono rigorosamente sciroppo freddo dolce caldissimo.
Se preferite, potete sostituire il pangrattato con del semolino, come si fa in alcuni parti del paese. Il liquore può essere sostituito da spremuta di arancia e se proprio volete, potete aggiungere qualche altra spezie di vostro gradimento. D’altronde, come ho detto tante volte, regole inviolabili nella cucina greca e anche nella pasticceria greca difficilmente se ne trovano!
melahrinì

Ingredienti:
  • 80 gr. di noci (pesate sgusciate)
  • 40 gr. di pangrattato
  • 3 uova
  • 130 gr. di zucchero semolato
  • cannella in polvere
  • chiodi di garofano in polvere
  • 50 ml di liquore a piacere
  • burro per la teglia
Sciroppo:
  • 200 gr. di zucchero semolato
  • 200 ml. di acqua
  • scorza di limone
Procedimento:
Torta:
Accendere il forno a 180 gradi.
Pestare le noci nel mortaio, meglio un poco grossolanamente.
Separare i tuorli dagli albumi.
In una ciotola sbattere con la frusta i tuorli con lo zucchero finchè non diventino spumosi.
Aggiungere le noci pestate nel mortaio, il pangrattato, le spezie e il liquore.
Mescolare bene.
Montare a neve ferma gli albumi e incorporarli al composto di noci, girando con una spatola di silicone dal basso verso l’alto con movimenti delicati per non sgonfiarli.
Cottura:
Imburrare una teglia di circa 23 x 18 cm. e versarvi il composto.
Livellare bene e infornare per circa 50-60 minuti.
Per verificare che la torta sia pronta fare la prova stecchino. Se lo stecchino esce pulito la torta è pronta.
Ritirare dal forno e con un coltello affilato tagliarla a porzioni e lasciare che raffreddi completamente.
Sciroppo:
Versare in un pentolino l’acqua e lo zucchero; aggiungere la scorza di limone e far bollire per 3 -4 minuti, finchè non si sciolga del tutto lo zucchero.
Togliere la scorza di limone e lasciare intiepidire. Una ventina di minuti sono sufficienti.
Finitura:
Versare sulla torta lo sciroppo intiepidito a mestolate.
Una volta assorbito il primo mestolo versare un altro e così via fino a esaurimento. Se vedete che la torta dopo qualche minuto non riesce più ad assorbire lo sciroppo aspettate 10 minuti. Se lo ha assorbito proseguire, diversamente è sufficiente così, quindi non insistere.
Lasciare riposare la torta per almeno un’ora.
Servire con una pallina di gelato fiordilatte.

torta di noci



4 commenti:

giulia pignatelli ha detto...

Dev'essere squisita! Segnata per quando riprenderò a mangiare normalmente 😯😉

Chiara Giglio ha detto...

è un dolce greco che mangio volentieri, forse l'unico che non trovo troppo dolce per i miei gusti basta non sommergerlo di sciroppo, un bacione Irene

Great Mangiaregreco ha detto...

@giulia
dieta?

@chiara
hai ragione; basta non strafare con lo sciroppo!!!
bacio e buonissima giornata

Claudia Di Nardo ha detto...

L'ho assaggiata!!!! mi piace.. E grazie quindi per la ricetta!!! baci e buon sabato :-*

Posta un commento