11/12/16

torta salata al cavolfiore e formaggio


torta salata al cavolfiore
Un certo tipo di commedia greca dove ben si avverte l'eredità di quella aristofanesca è spesso proposta in forma di serial alle televisioni greche. Frizzante, mordace, fraintendimenti, movimenti frenetici, litigi, qualche spintone e qualche imprecazione sono i suoi tratti caratteristici. Il tratteggio dei protagonisti cui man mano si aggiungono altri personaggi è preciso; delinea i loro caratteri evidenziando il loro lato involontariamente comico, a volte caricaturale dando scene spesso esileranti.
Uno di questi serial trasmesso tra il '91 e il '92 intitolato “Gli Inaccettabili” (oi aparadektoi), che per inciso torno spesso a riguardare, con  quattro protagonisti tutti amici e condomini, una copia sposata e due amici uomini è un esempio di commedia contemporanea greca, epigona di quella aristofanesca.
In una scena i 4 protagonisti si trovano nell'appartamento della copia sposata aspettando il poliziotto a seguito di una denuncia fatta per furto di auto.
Entra il poliziotto, fa le domande di rito creando un personaggio caricatura e a seguire comincia a brontolare perchè è stato disturbato all'ora di pranzo e ha fame:
- Abbiamo giouvetsaki. Vuole un po' di giouvetsaki? Chiede la donna.
- Di pollo o vitello? Risponde il poliziotto.
- Di pollo.
- Non lo mangio il pollo. Ha della feta?
- Si.
- Dura o morbida?
- Morbiduccia.
- Salata?
- Vuole che le diciamo anche quale mucca abbiamo munto per prepararla? (si intromette sarcastico uno degli amici)

Α meno che non si fosse degli esperti gastronomici, all'epoca l'interrogatorio  con epicentro la feta sembrava paradossale, degno di essere messo all'interno di una scena comica. Ora non più. L'eresia di ieri è diventata il dogma di oggi! Credo almeno!!!
Per la cronaca, il poliziotto alla fine ha mangiato il giouvetsi e qualche giorno dopo è tornato per chiederne la ricetta!

torta salata al cavolfiore

Ingredienti: (per 4)
Pasta brisé: (in alternativa comprarla pronta)
  • 300 gr. di farina 00
  • 150 gr. di burro
  • 70 ml di acqua fredda
  • un pizzico di sale
Farcitura:
  • un cavolfiore bianco di circa 1 kilo
  • 150 gr. di formaggio a pasta semidura (emmenthal, fontina)
  • 50 gr. di grana grattugiato
  • 150 ml di panna da cucina
  • 1 tuorlo
  • noce moscata
  • sale
  • pepe bianco macinato fresco
  • 1 cucchiaio da minestra di semolino
Per la finitura:
  • un albume
torta salata al cavolfiore

Procedimento:
Pasta:
Versare sulla spianatoi la farina con il pizzico di sale, unire il burro freddo a dadini e mescolare con le dita fino ad avere delle briciole. A questo punto versare l'acqua, impastare velocemente per amalgamare gli ingredienti, formare una palla e dopo averla avvolta in pellicola, porre in frigorifero per mezz'ora.
Farcitura:
Pulire il cavolfiore da gambi e foglie e ricavare le cimette. Dopo averle lavate, sbollentarle per 10 minuti in acqua leggermente salata e scolare.
Con una forchetta ridurle in purè grossolano. Mettere in una ciotola e lasciare da parte.
Tagliare a dadini piccoli il formaggio. Versare in un pentolino la panna, scaldarla e unire i due formaggi. Aggiungere la noce moscata, salare leggerissimamente, macinare del pepe. Mescolare con la frusta fino a scioglimento del formaggio. Unire il tuorlo, mescolare di nuovo e ritirare dal fuoco.
Versare sul purè di cavolfiore e mescolare per amalgamare tutto.
Accedere il forno a 180 gradi.
Assemblaggio:
Tirare fuori la pasta dal frigo, porla tra 2 pezzi di carta forno e con il mattarello tirarla a 5 mm di spessore.
Imburrare una teglia di circa 22 cm di diametro e aiutandosi con il mattarello foderarla con la pasta brisè lasciando che fuoriescano i bordi. Far aderire bene la pasta nella teglia coprendo anche i bordi, premendo delicatamente con le mani. Con un movimento deciso passare sulla teglia il mattarello per togliere la pasta che straborda. Bucherellare con una forchetta qua e là la pasta. Spargere sul fondo il semolino e versare sopra la farcitura. Livellare battendo sul piano da lavoro la teglia.
Prendere i ritagli e con una rotella dentellata ricavare delle strisce. Posizionarle intrecciate sulla torta.
Sbattere leggermente l'albume, spennellare i bordi e le strisce della torta.
Infornare per circa mezz'ora.

Ritirare dal forno, lasciare riposare per 15 minuti e servire come piatto principale accompagnato da insalata a foglia.

torta salata al cavolfiore



2 commenti:

edvige ha detto...

Buono mi attira preso nota ma la brise la compro pronta mai fatta... Buona domenica e buona settimana.

Chiara Giglio ha detto...

mi piace molto il cavolfiore, l'aspetto è delizioso, segno la ricetta !

Posta un commento