06/12/15

melomakarona



melomakarona


Puntualmente ogni anno con l'avvicinarsi delle feste di Natale si ripresenta uno dei grandi dilemmi della vita: kourabiedes o melomakarona?
C'è chi preferisce spiccatamente l'uno o l'altro; personalmente ho una leggera ma non spiccata preferenza verso i melomakarona che preparo tutti gli anni mentre i kourabiedes qualche volta si, ma tante volte no!

Forse sono stata condizionata da questo brontolio  di un anziano che piange per l'abolizione del kourabies con il pretesto che sporca, ma in realtà perchè le nuove generazioni non riescono a farlo. E non riescono perchè “il burro della vostra epoca è sofisticato, come la vostra politica, i vostri amori, le vostre idee, la vostra vita. Il vostro zucchero è ridicolo. E la vostra donna, la donna della vostra epoca... non sta nella sua cucina. Sta al pianoforte o in via Ermou” (la via più commerciale di Atene ndr).

Eccettuato il riferimento sulle donne che nessuno più si sognerebbe di sgridare perchè sono uscite dalla cucina, il brontolio potrebbe tranquillamente essere riferito ai giorni nostri; invece  è stato pubblicato nel 1904 sul giornale “Scrip" a firma dello scrittore Zacharias Papantoniou e il vecchio brontolone si ricorda i kourabiedes della sua gioventù, ai tempi del re Ottone.

A dispetto delle lamentele e brontolii,   i kourabiedes hanno fortunatamente resistito e difatti il dilemma mi si è ripresentato anche quest'anno!

Intanto comincio con  i melomakarona e poi si vede! la ricetta è di Akis (giovane chef molto seguito, vincitore del primo Masterchef Grecia). L'ho provata e devo dire che è perfetta. I melomakarona sono sciroppati alla perfezione e restano friabili. Si possono conservare per una decina di giorni chiusi in una scatola di latta oppure sotto la cloche.

 Il brontolio del vecchio è tratto dal blog di Sarantakos “le parole hanno la loro storia”.

melomakarona

Ingredienti:
Sciroppo:
  • 400 gr. di zucchero semolato
  • 250 ml di acqua
  • 50 gr. di miele (io ho optato per un millefiori)
  • 1 bastoncino di cannella
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 arancia tagliata a metà
Impasto:
Composto I.
  • 200 ml di spremuta di arancia
  • 200 ml di olio di semi (io ho messo di arachidi ma va benissimo di girasole o di mais)
  • 90 ml di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino raso di cannella in polvere
  • ¼ di un cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • un pizzico di noce moscata
  • un cucchiaino raso di bicarbonato di sodio
  • la scorza grattugiata di un'arancia
Composto II.
  • 500 gr. di farina 00
  • 100 gr. di semolino
Per la finitura:
  • un filo di miele
  • una decina di noci pestate nel mortaio
dolcetti tipici di Natale: melomakarona
Procedimento:
Prima di tutto preparare lo sciroppo che deve essere fatto almeno 3 ore prima dei biscotti perchè abbia il tempo di raffreddarsi completamente.
Mettere in un pentolino l'acqua, lo zucchero, il bastoncino di cannella, i chiodi di garofano e metà arancia. Far bollire per 2-3 minuti finchè lo zucchero non sia completamente sciolto. Ritirare dal fuoco, aggiungere il miele, mescolare bene e lasciare da parte.

In una ciotola versare tutti gli ingredienti del composto I e amalgamare bene con una frusta.
Unire le farine del composto II in una ciotola capiente e versarvi il composto liquido. Mescolare delicatamente con le manie lavorare l'impasto velocemente, per una decina di secondi.

A questo punto accendere il forno a 190 gradi.
Formare i melomakarona con porzioni di impasto di 30 – 35 grammi facendo dei salsicciotti di 6-7 cm di lunghezza e appiattirli leggermente. Volendo, decorarli con una forchetta oppure premendoli leggermente sui fori grandi di una grattugia, oppure come fa Akis sulla schiumarola a ragno.
Adagiarli sulla teglia rivestita di carta forno e cuocere per circa 25 minuti fino a doratura.

Appena tolti dal forno tuffarli subito nello sciroppo freddo, lasciarli in immersione per una decina di secondi e toglierli con la schiumarola.
Sistemarli ordinatamente su piatto di portata, irrorare con un filo di miele e cospargere le noci.
melomakarona



8 commenti:

giulia pignatelli ha detto...

Questi biscotti devono essere una squisitezza!

Great Mangiaregreco ha detto...

veramente squisiti! forse la miglior ricetta che abbia provato finora.

Chiara Giglio ha detto...

confesso di non aver mai mangiato i melomakarona ma i kourabiedes diverse volte, qui a Treste facciamo una ricetta simile a quella greca e immagino che la cosa non ti stupisca vero Irene ?

virgikelian ha detto...

Allora mi segno questa ricetta. Devono essere deliziosi !!!!! Un caro saluto.
Virginia

Great Mangiaregreco ha detto...

@chiara
no!! da quando ho saputo grazie a te della comunità ellenica di Trieste non mi stupisco più!!
un bacio

@virginia
infatti; e restano friabili nonostante siano stati immersi nello sciroppo. la ricetta del ragazzo merita!
un abbraccio

speedy70 ha detto...

Questi biscotti sono strepitosi, grazie della condivisione, annoto la ricetta!!!!

lacucinadinuccia ha detto...

Uh mamma devono essere buonissimi!! Segno e spero di avere il tempo di prepararli prima delle feste!! Grazie, a presto! Elena

Marina ha detto...

Questo è un dolce che mangiavo a Belgrado spessissimo e mi piace da morire ! Da noi si chiamano urnasice...ma esistono anche gurabije 😊 I Balcani...non li ho mai fatti però. Se li faccio e invio la foto a mia mamma, lei sviene. Sto scoprendo tantissime cose sul tuo blog e mi piacciono !!

Posta un commento