07/03/15

insalata di polpo e fagioli dell'occhio


σαλατα χταποδι με μαυροματικα φασολια

C'è stato un periodo in cui le isole greche non vivevano quasi esclusivamente di turismo. Un periodo in cui il carattere e la cultura dei luoghi erano percettibili, spesso visibili. Il turismo aveva già cominciato a cambiare tratti di vita quotidiana, ma non era ancora così massiccio da stravolgere quel vivere isolano che tanti turisti desiderano  incontrare ma che sempre più è destinato a restare tale: un desiderio.
I pescatori che con le barche uscivano a pesca e poi riparavano le reti, i pescatori che prendevano i polpi e li battevano 100 volte sugli scogli, i pescatori che fornivano le poche taverne di pesci appena pescati sembrano ormai dei personaggi mitici che sono entrati nell'immaginario collettivo e lì restano, ben saldi.

fotocredit
Per scelta non frequento più le isole d'estate da parecchi anni. L'ultima volta che vi sono stata in pieno agosto era nel 2009  e per soli 4 giorni. Ma di isole ne ho viste tante, ne ho fatto una scorpacciata quando ancora era facile imbattersi in qualcuno che batteva 100 volte il polpo sugli scogli per ammorbidirlo.


Per quattro persone:
Ingredienti:
Per il polpo:
  • 1 polpo di circa 700 kg
  • 200 ml di vino bianco
  • 2 foglie di alloro
  • 5 grani di pimento
Per l'insalata:
  • 200 gr di fagioli dell'occhio
  • 6 pomodorini tipo picadilly tagliati a quarti
  • 1 piccola cipolla bionda tagliata a filetti
  • un pugnetto di capperi sott'aceto
  • un po di foglie di soncino
Per il dressing:
  • 1 cucchiaio di brodo di cottura del polpo
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • un pizzico molto abbondante di origano
  • sale
  • pepe nero macinato fresco

Procedimento:
Il polpo fresco comprato in pescheria è già pulito e ben battuto, quindi generalmente non servono ulteriori passaggi per ammorbidirlo. C'è chi non fidandosi lo congela per 2 – 3 giorni per frollare bene le carni. Sia che si fa così oppure lo si compri già congelato o lo si utilizzi fresco senza congelarlo, i passaggi sono i seguenti: scongelarlo se è congelato, se è fresco toglierlo dal frigo, controllare che la sacca è vuota e se non lo è, svuotarla. Togliere il dente centrale che si trova laddove si uniscono i tentacoli e lavare il polpo bene sott'acqua corrente.

Metterlo in una pentola dal fondo pesante e con coperchio, accendere il fuoco e coprire. Quando il polpo comincia a cambiare colore e a rilasciare i suoi liquidi, aggiungere le foglie di alloro e i grani del pimento schiacciati con un coltello. Versare il vino, coprire e cuocere a fiamma media per circa 45 minuti. Ritirare dal fuoco e lasciare che il polpo raffreddi dentro i liquidi di cottura.

Mentre il polpo cuoce, lessare i fagioli. I fagioli dell'occhio non necessitano di ammollo. Versarli in una pentola e coprirli con dell'acqua fredda. Contare 40 minuti da quando l'acqua stacca il bollore. Quando sono morbidi ma non al punto di disfarsi, scolarli e versarli in un'insalatiera.

Estrarre il polpo dalla pentola, posizionarlo su un tagliere e tagliare i tentacoli a pezzi di circa 2,5 cm. Tagliare la sacca a strisce un po' grosse. Aggiungere il polpo nell'insalatiera e unire i capperi, i pomodorini, i filetti di cipolla e mescolare.

Filtrare il liquido di cottura del polpo, prenderne un cucchiaio e versarlo in una ciotola. Nella stessa ciotola versare tutti gli ingredienti del dressing e sbattere energicamente con una forchetta. Versare il dressing sull'insalata e mescolare bene. Decorare con qualche fogliolina di soncino o di altra insalatina tenera.

insalata di polpo e fagioli dell'occhio



9 commenti:

Beatris ha detto...

Una meravigliosa e gustosa insalata di mare!
Un abbraccio e buona festa della donna da Beatris

Great Mangiaregreco ha detto...

@beatris
grazie! buona festa anche a te.

irene

Ruli ha detto...

Ho fatto più volte l'insalata di polpo, ma con cannellini e rucola. Ci
piace molto. Solo che ho sempre lessato il polpo mettendolo a
bollire nell'acqua. Non sapevo che si potesse cuocerlo a " secco ",
secco per modo di dire... Proverò: mi sembra allettante cotto nel
vino piuttosto che nell'acqua !

Amelie ha detto...

Da noi per fortuna c'è ancora chi batte l' ektapodi appena pescato! Mi hai insegnato un nuovo modo x cucinarlo, l' ho sempre messo nella pentola a pressione!
amelie

Great Mangiaregreco ha detto...

@ruli
deve essere squisito anche con cannellini e rucola. lo proverò. anche io fino a qualche tempo fa mettevo a lessare il polpo ma poi ho saputo che si può cuocere anche così. guarda qui se vuoi.

http://www.mangiaregreco.com/2013/06/chtapodi-krassato-polpo-al-vino.html
un abbraccio e buona festa della donna!

@amelie
si, anche dove vado io qualcuno ancora c'è! :)
se ti va guarda il posto che ho indicato a Ruli.
buona domenica e buona festa della donna


Chiara Giglio ha detto...

il tuo polpo al vino rosso fa parte ormai delle mie ricette preferite, segno anche questa che deve essere deliziosa ! Buona domenica Irene, un bacione !

Great Mangiaregreco ha detto...

@chiara
in effetti anche per me è uno dei modi migliori per prepararlo.
buona domenica anche a te

๓คקเ ha detto...

Amo moltissimo il polpo, e tu hai descritto così bene l'atmosfera delle Isole Greche prima che scoppiasse il turismo di massa, che mi è venuta voglia di tornarci. Magari andando ad Amorgos, che mi dicono essere rimasta abbastanza tourist-free. :-)

Great Mangiaregreco ha detto...

@mapi
di tourist free cè' poco e niente specie ad agosto. ma in altri mesi si. degli amici miei sono andati a ikaria l'anno scorso a settembre ed era tranquilla il giusto.
ad amorgos una mia collega c'è stata per 3 anni di fila, ne era innamoratissima!

Posta un commento