18/10/16

avgokalamara di Chios e di Oinousses


avgokalamara di Chios

Se avete  sentito parlare di “avgokalamara” mentre eravate a Creta, saprete sicuramente che si tratti di un impasto fritto, cosparso di miele e noci;, un dolce appunto. Tali erano anche nella mia testa, finchè non ho scoperto che esistono anche gli “avgokalamara” salati, un piatto oserei dire sontuoso, tanto sontuoso che una volta si usava preparare a Carnevale oppure di Domenica. A Chios e a Oinousses. Da queste isole arriva la ricetta che parla di un involucro a metà tra crepes e omelettes che racchiude un ripieno di carne e riso, simili nella forma ai calamari dai quali il piatto prende il nome.

Prima del massiccio utilizzo  dei forni elettrici,  gli avgokalamara si preparavano e si servivano subito, appena tolti dalla padella e finchè erano ancora caldissimi.
A Chios non usano il riso nel ripieno e nemmeno il limone nel servirli come racconta la blogger Vasso dalla quale ho preso la ricetta e ringrazio per avermela fatta conoscere.ì, ma evidentemente a Oinousses si.
Io il riso ce l'ho messo e una parte li ho serviti con del limone che come tutti i greci ne faccio un uso spregiudicato.
Un'altra parte l'ho servita dopo averli leggermente gratinati con dei fiocchetti di burro e cosparsi di parmigiano grattugiato. Personalmente preferisco la prima!

avgokalamara

Ingredienti:
Per il ripieno:
  • 400 gr. di carne di manzo macinata
  • 2 cucchiai colmi di riso (io ho messo l'arborio)
  • 1 cipolla bionda tritata
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • noce moscata
  • 1 piccolo bastoncino di cannella
  • 1 uovo
  • parmigiano grattugiato
  • prezzemolo tritato
  • sale
  • pepe
  • 3 cucchiai di olio evo
Per le omelettes
  • 6 uova
  • 200 ml di latte
  • 3 cucchiai rasi di farina 00
  • sale
  • pepe
avgokalamara

Procedimento:
Ripieno:
Versare l'olio in una casseruola e quando sarà caldo mettere a rosolare la carne macinata. Quando sarà rosolata abbassare la fiamma e aggiungere la cipolla. Far appassire per dieci minuti e sfumare con il vino. Far evaporare e unire la noce moscata, il bastoncino di cannella, salare e macinare del pepe. Versare 130 ml di acqua calda e cuocere per 10 minuti.
Versare il riso, mescolare, coprire e cuocere fino a che il riso non diventi morbido e l'acqua sarà assorbita. Unire il prezzemolo e mescolare.
Ritirare dal fuoco, togliere il bastoncino di cannella e lasciare intiepidire.
Aggiungere l'uovo e una bella manciata di parmigiano grattugiato. Mescolare bene e lasciare da parte.
avgokalamara

Omelettes:
Rompere le uova in una ciotola, unire il latte e aggiungere la farina sbattendo con una frusta affinchè non si formino dei grumi. Salare, pepare.
Prendere una padella di una quindicina di cm di diametro e ungerla con della carta assorbente spruzzata di olio evo. Scaldare e versare un mestolo scarso delle uova. Roteare per distribuire uniformemente l'uovo e cuocere fino a chè la frittatina non rosoli nella parte inferiore e non rassodi nella parte superiore. A questo punto far scivolare in un piatto con la parte superiore verso l'alto, mettere un cucchiaio del ripieno nel centro e arrotolare. Sistemare in una pirofila.
Procedere allo stesso modo strofinando con la carta assorbente unta per ogni frittatina finchè non siano finite o le uova o il ripieno,  sistemando i rotolini affiancati nella pirofila.
Accendere il forno modalità grill. Distribuire fiocchetti di burro sugli involtini, cospargere del parmigiano grattugiato e infornare per 5 minuti.
Servire caldi.
In alternativa omettere burro e formaggio sulla superficie e servire con del limone a spicchi.

  
avgokalamara di Chios



5 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

mi stuzzica molto questa ricetta, quasi quasi la faccio !Un abbraccio

Claudia Di Nardo ha detto...

Mai sentiti.. ma in effetti non son mai stata a Creta.. non ancora almeno!!! Che buoni che devono essere.. baci e buona giornata .-D

Diane ha detto...

Ottimo

Marina ha detto...

Ma quanto mi piace scoprire le chicche della cucina greca da te !! Lo sai che io a Creta non li ho mai mangiati ? neanche dolci...
Un salutone !

nadia ha detto...

Ma che bella ricetta! Non li conosco benchè sia stata a Creta più di una volta non li ho mai mangiati. Grazie

Posta un commento