14/01/15

giouvarlakia avgolemono


γιουβαρλακια αυγολεμονο

E finalmente posso cantare vittoria!!!! Dopo anni di resistenza a oltranza, dopo anni di rifiuti verso forse l’unica salsa autenticamente greca,  finalmente l’ho avuta vinta! Chi la dura la vince, no?
“Non mi piace l’uovo crudo” mi sentivo dire per anni ed ero quasi sul punto di rassegnarmi dopo tanti rifiuti finchè improvvisamente ho avuto il lampo di genio: “e la carbonara come mai  ti piace”? chiedo. “Non ha l’uovo crudo” mi sento dire e lì ho sferrato il colpo finale: “è lo stesso procedimento” rispondo. “D’accordo, proviamo” la risposta poco convinta ma a me tanto bastava, dato che ero sicura che  il piatto non poteva non piacere e il rifiuto era palesemente un pregiudizio.
La faccio breve:  uno dei piatti invernali più amati in Grecia, l’ho preparato una, due, tre volte tre  in due settimane e a questo punto mi dichiaro felice e sazia!


Ingredienti:
-          250 gr. di carne macinata di manzo
-          100 gr. di carne macinata di maiale
-          1 cipolla bianca tritata finissima
-          1 albume
-          1 tazzina da caffè di riso (ho utilizzato il roma)
-          abbondante prezzemolo tritato
-          sale
-          pepe nero macinato fresco
-          olio evo
Per la salsa avgolemono: (uovo e limone)
-          1 uovo 
-          Il succo di un limone (la quantità del limone è discrezionale, incrementare o    diminuire secondo i gusti)
Procedimento:
Mettere la carne macinata in una bacinella e unire la cipolla,  l’albume leggermente sbattuto, il prezzemolo, il sale e il pepe.  Mescolare bene con le mani, aggiungere il riso crudo e impastare per 5 minuti. Lasciare riposare per una mezz’ora in frigo. Togliere dal frigo e formare delle polpette della grandezza di un pallina da ping pong!! 
Versare in un casseruola olio bastevole per coprirne il fondo.  Accendere e scaldare l’olio, sistemare le polpettine e farle rosolare per un minuto. Versare tanta acqua calda fino a coprire le polpette fino a metà. Versare l'acqua dal bordo della casseruola non buttarla sulle polpette. Quando comincia a bollire coprire, abbassare la fiamma e cuocere per mezz’ ora. Controllare nel caso servisse ancora un poco di acqua, calcolando che alla fine deve restare un poco di brodo o anche parecchio se volete ottenere una zuppa.
Sbattere l’uovo e sempre sbattendo aggiungere il succo del limone. Continuando a sbattere prendere mezzo mestolo del brodo delle polpette, unirlo all’uovo e sbattere ancora per un pò. Versare la salsa sulle polpette,  agitare la casseruola e ritirare dal fuoco.
Servire caldo, volendo con del prezzemolo tritato sopra.




7 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

adoro quell'aspretto del limone, rende il piatto così particolare e saporito ! Un abbraccio

Amelie ha detto...

sai che non le ho mai assaggiate? è ora di rimediare!!!
amelie

Rossella ha detto...

ciao Irene,mi piacciono le tue ricette ed alcune le ho realizzate.Di questa ricetta in particolare non capisco un procedimento ovvero se il riso vada precedentemente cotto prima dell'aggiunta all'impasto o meno.

grEAT ha detto...

@Rossella
grazie! no, il riso non va cotto; va messo crudo. non ho pensato di specificarlo ma lo faccio subito.
grazie

Ruli ha detto...

Che piatto particolare e interessante ! Lo proverò.
Non hai idea di quante volte ho fatto i tuoi sgombri su letto di patate...

grEAT ha detto...

Mi fa molto piacere Ruli. Se provi i giouvarlakia fammi sapere.

irene

Ruli ha detto...

Fatte le polpettine !!!! Squisite, solo avevo uno schifo di uova di mercato e la salsa mi è venuta paurosamente gialla... Un'ottima ricetta... messa sul blog ... ;)

Posta un commento