31/07/17

maidanosalata di Syros / pesto di prezzemolo di Syros


maidanosalata
Chi ha un minimo di nozioni di greco moderno sa che “salata” non significa “sapida” ma “insalata”. Leggendo quindi il nome di questa preparazione, si può pensare che si tratti di un’insalata di qualcosa ma non è così. Per noi greci, le “salate”, oltre che insalate, sono tutte quelle creme salate (intendo sapide questa volta!!!!!) che utilizziamo come antipasto da portare a tavola con del pane pita o pane abbrustolito.
La maidanosalata è una di queste creme a base di prezzemolo, molto usata nella cucina dell’isola di Syros. Somiglia molto al pesto italiano nelle sue varie declinazioni, ma qui non sono previsti né formaggi né pinoli.
maidanosalata
Soltanto abbondante prezzemolo super fresco, qualche cappero che nelle Cicladi sono di casa, un poco di pane ammollato nell’acqua. Vegana e spartana senza fronzoli come solo la cucina greca!!!!
E’ molto facile, semplice e veloce da preparare, soprattutto se si decide di frullarla al mixer anziché pestare pazientemente nel mortaio!
Io ho usato capperi di Pantelleria sotto sale, ma se avete dei capperi sott’aceto vanno bene ugualmente. Scolateli soltanto, non ammollateli e in questo caso omettete il cucchiaio di aceto che indico tra gli ingredienti.
Una volta ottenuta la vostra crema, trasferitela in vasetto, tappate e ponete in frigorifero fino al momento di servire. Toglietela dal frigo 10 minuti prima di portare a tavola.
Oltre che come antipasto potete servirla come salsa per accompagnare patate bollite, pesce bollito oppure per condire un’insalata di bulgur. Deliziosa!

maidanosalata

Ingredienti:
  • 1 ricco mazzetto di prezzemolo
  • 1 cucchiaio da minestra di capperi sotto sale o sott’aceto
  • 1 fetta di pane raffermo (intorno ai 40 gr. senza la crosta)
  • 1 piccola cipolla bianca (metà se è grande)
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco o aceto di mele
  • olio evo
  • sale (soltanto se serve)
Procedimento:
Dissalare i capperi. Metterli in una ciotola in acqua fredda e lasciarli per mezz’ora, cambiando l’acqua due volte. Scolare e tenere da parte.
Se invece avete dei capperi sott’aceto saltate questo passaggio. Scolateli soltanto e teneteli da parte.
Lavare il prezzemolo, asciugarlo e separare le foglie dai gambi. Questi ultimi io in genere li surgelo e li utilizzo per la preparazione dei brodi.
Sbucciare lo spicchio di aglio e la cipolla e tagliarli a pezzi per poterli frullare agevolmente.
Strizzare il pane.
Mettere nel mixer le foglie del prezzemolo, i capperi, la cipolla e lo spicchio di aglio, il pane strizzato e versare l’aceto. Aggiungere 3 -4 cucchiai di olio di oliva e frullare versando lentamente altro olio fino a raggiungere la consistenza desiderata che deve essere un poco più densa del pesto.
Assaggiate e se serve salate.
Se invece volete utilizzare meno olio, mettete i 3 – 4 cucchiai iniziali e proseguite versando lentamente dell’acqua.
Trasferire la maidanosalata in una vasetto, tappare e mettere in frigorifero.
Una volta aperto consumare entro un paio di giorni.

maidanosalata


1 commento:

Chiara Giglio ha detto...

sfiziosissima, da spalmare, spalmare, spalmare.....

Posta un commento