18/08/15

pastrokio corfiata



pasticcio di melanzane con uova sode, mortadella e formaggio


Non mi piace fare paragoni, spesso sono una scorciatoia per non entrare nel merito di una questione, e quindi cerco di evitarli. Questo in linea generale, perchè a volte invece sono opportuni, pertinenti e utili, soprattutto se chi li fa a una discreta conoscenza dell'argomento di cui parla.
Quando ho letto su nota rivista gastronomica il titolo di questa ricetta non ho potuto fare a meno di cercarla e capire di cosa si trattasse a partire dal nome anche se di lapalissiana provenienza italiana e di chiarissimo significato.
Con mia grande delusione però non ho trovato niente, salvo generiche indicazioni che tratte tutte dalla stessa fonte citavano: strati di melanzana con dentro uova sode, salame, formaggio e salsa di pomodoro.
E' a questo punto che il paragone con gli italiani è stato inevitabile, perchè (perlomeno finora) qualsiasi ricetta regionale io abbia cercato, l'ho trovata analizzata e sviscerata, quasi al limite della pedanteria....
Non avendo quindi indicazioni ulteriori su come preparare il pastrocchio, l'ho interpretato a modo mio, convinta di non sbagliare molto.
Evidente che il salame di cui parla, sicuramente sarà un salame corfiata così come il formaggio, ma non avendo ulteriori elementi e nemmeno gli ingredienti, ho utilizzato la mortadella e il provolone dolce. Prometto però che la prima volta che torno all'isola dei Feaci indago scrupolosamente, al limite della pedanteria!


Ingredienti:
  • 3 melanzane lunghe
  • 3 uova
  • 6 fette di mortadella
  • 50 gr. di formaggio a scaglie(io ho usato un provolone dolce)
  • 4 pomodori da sugo maturi
  • 100 ml di vino bianco
  • 1 spicchio di aglio tritato
  • sale
  • pepe
  • 3 cucchiai di olio evo
  • olio per friggere
  • poca farina per infarinare
Procedimento:
Lavare le melanzane, tagliare il picciolo e tagliarle a fette sottili. Metterle in uno scolapasta, salare e posizionare a contatto un piatto con un peso sopra. Lasciare per un ora.
Nel frattempo rassodare le uova (8 minuti da quando l'aqua riprende a bollire) sciacquarle subito in acqua fredda e sgusciarle.
Ora preparare il sugo:
Sbollentare i pomodori in acqua bollente per un minuto, spellarli e tritarli al coltello.
Mettere in una padella l'olio evo e far appassire lo spicchio di aglio tritato. Aggiungere i pomodori, cuocere per cinque minuti e sfumare con il vino bianco. Cuocere per altri 5 minuti, salare, macinare del pepe nero e cuocere per ulteriori 10 minuti. Ritirare dal fuoco.
Sciacquare sott'acqua corrente le melanzane, asciugarle bene, infarinarle leggermente e friggere in abbondante olio bollente.
Adagiare su carta assorbente, salare leggermente e lasciare così per 15 minuti. Tagliare le uova a rondelle.
Prendere una teglia piccola (per 2-3 persone per intenderci) e sporcare il fondo con un poco di sugo.
Formare uno strato di melanzane, uno di mortadella e uno di uova. Cospargere le scaglie di formaggio e ripetere fino a esaurire gli ingredienti.
Accendere il forno a 180 gradi.
Versare a cucchiaiate su tutta la superficie della teglia il sugo di pomodoro e infornare per 15 minuti.

Togliere dal forno, lasciare intiepidire e servire con insalata a foglia verde.
Per 3 persone.

pasticcio di melanzane con uova sode, mortadella, formaggio




5 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

mai sentito parlare di questa ricetta, hai fatto bene a proporla,sembra ottima !

Great Mangiaregreco ha detto...

ah infatti; è tra quei piatti caduti in oblio ormai..

Ruli ha detto...

Come pastrocchio non mi sembra niente male !

virgikelian ha detto...

Questa ricetta assomiglia molto alla Parmigiana di melanzane come la fanno in Sicilia e anche nel Salento. Con le uova sode e la mortadella o il prosciutto cotto. Io non l'ho mai assaggiata ma in diversi paesi del meridione la fanno così. Supercalorica, secondo me. Da assaggiare il tuo Pastrokio.

Great Mangiaregreco ha detto...

@ruli
ah no, infatti!!! :)

@virginia
non conoscevo quella versione di parmigiana; è praticamente uguale a questa di corfù, sicuramente supercalorica ma ne vale la pena!

Posta un commento