09/10/13

mele cotte in pasta sfoglia



Le letture si dividono fondamentalmente in 2 categorie: quelle che richiedono parecchia concentrazione e quelle che ne richiedono poca,  un romanzo leggero, un fumetto….. Veramente ce n'è pure una terza, quella che io definisco "da autobus"  e in questa categoria rientrano libri che non avrei letto altrimenti, tipo il diario di Bridget Jones che tutto sommato era divertente!
Le letture della seconda categoria  (quelle della terza no, li leggo veramente sui mezzi pubblici e quando sono sui mezzi pubblici non mangio) sono quasi sempre accompagnate dallo sgranocchiamento di qualcosa.  E questo qualcosa, da quando ero molto piccola a ora che sono molto grande è quasi sempre una mela. Di quelle che piacciono a me, rossa, croccante, succosa. Conseguentemente, dato che di libri ne ho letti tanti ma tanti, ho mangiato a questo punto oserei dire quintalate di mele, e se è vero che una mela al giorno leva il medico di torno, la salute è assicurata fino alla vecchiaia!!!! Meno male!!!
Cotte mi piacciono ugualmente, cioè tanto, ma le faccio molto meno ed è un peccato perché sono veramente inebrianti!


Prendere quante mele volete, meglio rosse, lavarle e senza tagliare togliere il torsolo. Io ho usato quel attrezzo per svuotare le zucchine e funziona alla meraviglia.  Mescolare della cannella e chiodi di garofano in polvere con dello zucchero semolato, ungere le mele da tutte le parti con abbondante burro fuso usando un pennello e rotorarle nello zucchero speziato.
Tagliare dei dischi di pasta sfoglia grandi tanto da poter avvolgere completamente la mela.
Spennellare con un uovo leggermente sbattuto con un pò di latte, spargere dello  zucchero e infornare a 170 gradi per circa 40 minuti.


2 commenti:

edvige ha detto...

Ottimo questo dolce che va bene anche per me grazie. Buona fine settimana.

grEAT ha detto...

grazie a te edvige. è molto semplice e veramente buona.
irene

Posta un commento