15/04/19

koulourakia al burro


Si fa presto a dire koulourakia, i biscotti che insieme allo tsoureki sono il simbolo della Pasqua greca. Una ricetta univoca e condivisa da tutti non esiste. Ognuno ha la sua che propone come la più buona, la più riuscita, la più golosa.

Profumati alla vaniglia, all’arancia, al limone, con yogurt, burro, formaggio o vegan, soffici o friabili sono il modo migliore per cominciare e pure per continuare la giornata. A colazione con una tazza di caffè, di tè o di latte, a merenda per sgranocchiare qualcosa, oppure quando semplicemente viene volta di qualcosa buono.
Io di ricette non ne ho solamente una, ne ho tante di cui alcune le ho proposte qui negli anni passati. Quella però che mancava e che non deve mancare per cui provvedo subito a colmare il vuoto, è la ricetta con l’ammoniaca. Ingrediente che può stranire per chi non ha confidenza con un certo tipo di preparazioni ma che una volta era molto usato nelle ricette tradizionali.

Ingredienti: (per circa 20 koulourakia)
  • 300 gr. di farina 00
  • 125 gr. di burro
  • 125 gr. di zucchero a velo
  • 1 uovo
  • 30 gr. di latte
  • 1 cucchiaino da caffè di essenza di vaniglia
  • ½ cucchiaino da caffè di baking powder
  • ¼ cucchiaino da caffè di ammoniaca

Per la superficie:
  • 1 tuorlo
  • 2 cucchiai da minestra di acqua
  • ½ cucchiaio da minestra di zucchero semolato


Procedimento: (preparazione 30 min. – attesa 30 min. – cottura 25 min.)
Togliere il burro da frigorifero e portarlo a temperatura ambiente. Fare lo stesso con l’uovo e il latte.
Setacciare la farina con il baking powder.
Nel mixer o con la frusta elettrica sbattere il burro con lo zucchero a velo per 4 minuti finchè non diventi cremoso e soffice. Aggiungere l’uovo, l’essenza di vaniglia, il latte e l’ammoniaca.
Versare la farina, impastare velocemente per amalgamare gli ingredienti, formare una palla e lasciare riposare per 30 minuti.
Accendere il forno a 180 gradi, modalità statica.
Rivestire una teglia con carta forno.
Prendere circa 50 gr. di impasto alla volta, tirarlo con le mani a cordone e dargli la forma che più piace. A treccia, a cerchio, a spirale etc. Man mano che i koulourakia sono pronti sistemarli sulla teglia sufficientemente distanziati tra di loro, dato che con la cottura si gonfieranno.

Per la superficie:
Mettere in un ciotolino il tuorlo, l’acqua e lo zucchero e sbattere con una forchetta. Spennellare i koulourakia 2 volte e lasciare che asciughino per 5 minuti.
Infornare nel ripiano di mezzo per circa 25 minuti, finchè i koulourakia non prendano un bel colore biondo.
Togliere dal forno, mettere sulla gratella e lasciare raffreddare completamente.
Si conservano perfettamente per 3 – 4 giorni chiusi in una scatola di latta.



2 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

anche noi a Trieste per la Pasqua abbiamo un dolcetto simile , si chiama Tìtola e in alto è infilato un uovo solo colorato, un'altra cosa che unisce la Grecia a Trieste, Buona Pasqua Irene, un abbraccio !

great mangiaregreco ha detto...

@Chiara
Buona Pasqua anche a te e alla famiglia.
un bacio
irene

Posta un commento