25/09/14

semi festival





Con il patrocinio di “Demeter International” Organismo di Certificazione di Agricoltura Biodinamica, 6 capitali europee si uniscono per una campagna di informazione e sensibilizzazione dei cittadini sul tema dei semi vegetali.
Con l’obiettivo di informare i cittadini sul tema di  libera produzione, disponibilità, commercio e  scambio di semi tradizionali e propri, il rafforzamento della biodiversità e la promozione dell’agricoltura sostenibile come priorità della politica europea, dal 5 – 13 di Ottobre, in Inghilterra, Belgio, Olanda, Grecia, Polonia e Romania  si organizza  il  primo festival dei semi.
In Grecia il festival  si chiama “Love sporoi – Let’s grow together”  (amo i semi – cresciamo insieme) e comincia ad Atene il 6 di Ottobre per finire con una grande festa il 12 dello stesso mese.


La conservazione dei semi tradizionali e la  biodiversità è tema centrale per chi si occupa di agricoltura e  per gli specialisti, oltre che per i consumatori stessi. Basti pensare che ci vogliono circa 2-3.000 anni perché un seme compaia e si sviluppi,  e che insieme a ogni seme che scompare, scompare un patrimonio genetico.
L’Unione Europea dopo mesi di campagna di  informazione e sensibilizzazione sull’ argomento, ha rigettato una proposta del 2013 per un regolamento che tutti i paesi UE avrebbero dovuto recepire: quello di stilare un catalogo  che elencasse tutte le varietà  di semi esistenti. Con ogni seme catalogato il rischio della scomparsa di varietà locali coltivate su piccola scala è reale ed esistente. Il regolamento è stato rigettato  nel Maggio 2014 dal Parlamento Europeo e sicuramente costituisce una vittoria dell’ Unione Europea dei cittadini  a favore del libero movimento dei semi.

Alcune informazioni da paura:

-         Negli ultimi 100 anni il 75% della biodiversità si è perso;
-         Il 95% dei semi di vegetali  a livello mondiale è controllato da 5 aziende;
-         Più di 7.000 varietà sono state utilizzate in tutta la storia per l’alimentazione di umani  e animali. Attualmente soltanto 30  specie coltivabili costituiscono il corpo della    nostra alimentazione e il  90% delle calorie che si assumono quotidianamente;
-         Soltanto 3 specie (riso, grano e granoturco) sono contenuti in alimenti che    costituiscono quasi la metà dell’alimentazione quotidiana degli essere umani;
-          Nell’ UE i prezzi dei semi è aumentata mediamente del 30,2% nel periodo 2000 –      2008;
-        10  aziende controllano il 75% del commercio dei semi.

credits: lifo (info  e foto)
              organizationearth
              demeter




4 commenti:

Cristiana Moro ha detto...

http://www.gialli.it/in-norvegia-nasce-la-banca-genetica-della-apocalisse

La conosci l''Arca di Noè' ?
Cristiana

grEAT ha detto...

@cristiana
probabilmente già dai tempi biblici alcuni si salvano salvando il patrimonio genetico di piante e animali; ai più tocca un destino un pò diverso....

Amelie ha detto...

grazie perché mi tieni sempre aggiornata. peccato essere qui e non lì...
amelie

grEAT ha detto...

@amelie
:)
grazie a te.

Posta un commento