26/08/14

la torta di Gabriele



 Finite le vacanze e rientrati a casa! Il lavoro è lì che attende, il traffico, gli impegni, gli appuntamenti…. l’ansia e le preoccupazioni  si specchiano sul nostro viso. Stress alle stelle!  Perché sono tornata? Perché non sono rimasta dov’ero? Mollo tutto e mi ritiro in un’isola deserta! Sfogo si, ma anche frustrazione  e senso di impotenza  per aver lasciato contro la mia volontà  ritmi umani, lenti e pigri.  
Non abbiamo fatto in tempo ad  annoiarci in vacanza quest’anno.  Negli anni passati, quando le vacanze duravano un mese  verso la  fine non ne potevamo più!   Cominciavamo a soffrire di nostalgia di casa e non vedevamo l’ora di tornare al lavoro. L’ essere  umano non è fatto per stara in panciolle tutto il giorno, ogni giorno della sua vita.
Quest’anno no! Le vacanze durano sempre meno, ora che hai preparato la piccola valigia  è già tempo di disfarla! Non resta tempo per  annoiarsi, la vacanza  perlopiù crea stress, tutto quel gran daffare e tutte quelle aspettative per qualche giorno al mare!  

Mi consolo con la torta di Gabriele, che ignoro chi sia, ma la sua torta me lo fa adorare!


Ingredienti:
-          400 gr. di cioccolato al latte
-          150 ml latte intero
-          1 vasetto di yogurt greco (full fat)
-          150 gr. di biscotti (oro saiwa, digestive, quelli che volete)
-          pistacchi per decorare
Procedimento:
Frantumare grossolanamente i biscotti, con le mani oppure nel mortaio.  Scaldare in un pentolino il latte e appena prima che arrivi al bollore unire il cioccolato tagliato a pezzi. Mescolare pazientemente con un cucchiaio di legno finchè non si scioglie. Ritirare dal fuoco, aggiungere lo yogurt  e mescolare  bene per amalgamare tutto.

Prendere una teglia  liscia, foderarla con carta forno e posizionare sopra un anello da pasticceria. Fare uno strato di biscotti frantumati, versare sopra la metà della crema, fare un altro strato di biscotti e finire con la crema. Mettere in frigo per almeno un paio di ore.  Togliere dal frigo 5 minuti prima di servire, sfilare l'anello  e spargere sopra  dei pistacchi pestati grossolanamente al mortaio. 




4 commenti:

mm_skg ha detto...

Mmmm.... buona!

virgikelian ha detto...

Una torta così è proprio una dolce consolazione !!!!! Ben rientrata a casa....come ti capisco !!!!
Un bacio.
Virginia.

Chiara Giglio ha detto...

anche io penso spesso a scappare su un'isola greca, potremmo andarci insieme Irene, apriamo una taverna e restiamo lì, bella idea, vero?Intanto che ci pensiamo mangiamoci una fetta di torta! Un bacione e buon fine settimana

Francesca ha detto...

Vorrei proprio scappare con voi in quei luoghi adorati, anche se sono tornata da poco..... comunque questa torta mi attira e appena posso la faccio!
Grazie della ricetta!
Baci baci

Posta un commento