20/05/14

panino audace


Se un cuoco deve essere audace, un assaggiatore deve essere temerario e quest’ultimo non è solo  ed esclusivamente chi fa parte dell’entourage del cuoco, ma anche i clienti che si addentrano nel ristorante. Finita la pacchia, quando i ristoranti erano rassicuranti, le frenate conservatrici avevano il sopravvento sulle spinte innovative,  si entrava sicuri per essersi subito dopo rassicurati, dopo aver dato un’occhiata al menù. 

Di questi tempi invece per entrare in un ristorante bisogna in primis  avere una naturale predisposizione all’avventura e in secundis quel preciso momento  essere disposti  all’ avventura culinaria. Diversamente meglio optare per  una rassicurante trattoria o pizzeria.
Nessuno si salva da questo tsunami dell’audacia creativa. Nemmeno più a casa si mangia cucina casalinga il chè volendo essere pignoli è una contraddizione in termini. Ma tant’è…. “Stay hungry, stay foolish” è il  motto di chiunque tocchi una pentola e un fornello e se ha la fortuna di trovare  nelle immediate vicinanze  degli assaggiatori temerari è proprio a cavallo!!!


La speranza è che il cuoco audace possegga  le doti  necessarie per esprimere la sua creatività: la conoscenza e il non condizionamento.  Laddove difetta la prima (insomma non tutti abbiamo fatto studi  e lavorato nei templi gastronomici)  bisogna allenare la seconda: il non condizionamento, che i bambini  finchè restano tali,  naturalmente posseggono.
La creazione che segue  è uscita  dalle mani  di mia figlia quand’ era piccola e lei faceva la cuoca e io l'assaggiatrice; ci è tornato in mente quando le ho comprato un sacchetto di patatine.


Prendere una  fetta di pane sciocco (possibilmente fatto in casa) e metterci sopra nell’ordine: foglia di lattuga, qualche goccia di un buon aceto balsamico, prosciutto crudo dolce e coprire con delle patatine (scegliete voi quali). Coprire con un’altra fetta di pane, premere leggermente per appiattire.  




4 commenti:

marina riccitelli ha detto...

cosa esce dalle manine dei nostri figli!! L'audacia è la loro forza e la nostra speranza! Brava, gustoso e insolito! un abbraccio

Amelie ha detto...

Buono! Da piccola lo chiamavo "panino robusto"! brava la tua figliola.
iassu, amelie

virgikelian ha detto...

Brava la piccola cuoca audace !!!! Perfetto il tocco di aceto balsamico .
Un saluto.

Chiara Giglio ha detto...

molto fantasioso ed originale !

Posta un commento