08/11/13

questa volta la crisi non c'entra! au contraire!



Mai mi sarei aspettata che la prima esclusione in Europa avrebbe riguardato un formaggio.  In tanti anni di crisi greca mi sono immaginata di ogni, ma non avrei mai pensato che il primo escluso sarebbe stato un formaggio. Fa sorridere amaramente che l’esclusione non è a causa della crisi, anzi, è a causa di quel  inebriante  consumismo e benessere che ha  oscurato mestieri antichi e sapienti, mettendoli a tacere definitivamente.

La notizia non è delle ultime, ma merita di essere riportata, anche perchè almeno  dal mio punto di vista solleva parecchi  interrogativi. 
Il famoso “metsovone”, formaggio DOP che  ha dei consumatori fanatici  greci e non solo, prodotto dal caseificio della Fondazione del barone Michail Tositsas a Metsovo, nella prefettura di Ioannina,  è rimasto a corto di latte vaccino!  Uno dei pochi formaggi  prodotti con latte vaccino ne è rimasto a secco!  
Con  grande senso di responsabilità, rispetto per il consumatore e coerenza,la Fondazione ha fatto richiesta al Ministero per lo sviluppo agricolo di escluderlo  dalla lista dei prodotti DOP.  La conferma è arrivata dal responsabile per la zona di Metsovo,  Kostantinos Vidos.  La causa è da cercare nel progressivo e inesorabile abbandono dell’allevamento di mucche.  La gente ha scelto lavori meno stancanti e dai guadagni più alti,  per primo il settore turistico.

Così il caseificio che ha bisogno  quotidianamente di 3.000 chili di latte esclusivamente della zona di Metsovo, come previsto dal disciplinare,   ne trova soltanto 500; i rimanenti 2.500 li acquista  da allevatori delle zone  limitrofe pur  restando comunque sempre all’interno  della prefettura di Ioannina,  cercando di non diminuire la quantità  prodotta del formaggio più famoso, appunto il metsovone che assorbe la maggior quantità di latte (per un chilo  necessitano 11 di latte) , ma nemmeno degli altri  come il  metsovella e il graviera metsovou. 
Il “metsovone,  con una produzione annua di circa 200 tonnellate che si assorbe completamente dal mercato, ha ottenuto la denominazione  nel decennio ’80, e nonostante non ci siano pressioni o controlli particolari, la fondazione non desidera continuare a usarla,  visto  che alcune delle condizioni sono venute a meno. Il formaggio comunque continuerà a essere prodotto nelle stesse quantità e con le stesse caratteristiche di qualità, dato che il latte che utilizza proviene da allevatori all’interno della stessa  prefettura.

Il caseificio è stato fondato nel 1959 con capitali del barone Michail Tositsas, benefattore della zona, amministrati da Evangelos Averof Tositsas, che ha costituito l’omonima Fondazione.   La tecnica per la produzione del formaggio è dovuta in buona parte anche all’Italia, considerato che la Fondazione inviava qui i suoi allievi per apprendere e migliorare. D’altronde, il metsovone si produce con la tecnica e le caratteristiche del provolone.

Tuttavia, potrebbe anche non essere stata detta l’ultima parola.  Proprio grazie alla crisi che sta devastando l’intero paese da 5 anni, cominciano a esserci  timidi segnali di ritorno ai mestieri antichi, tra cui anche l’allevamento. Stiamo a vedere!



 credits:  ethnos 
               agronews

6 commenti:

Amelie ha detto...

Buon giorno, navigando nel web ho scoperto il suo blog e ne sono rimasta affascinata. Sono immediatamente diventata sua follower, sperando di poter colmare le mie - molte - lacune sulla cucina greca. Ogni volta che sbarco a Igou conto di fermarmi a Metsovo ma poi la voglia di arrivare a casa è tanta che tiriamo dritto!
a presto
amelie

ΔΥΣΠΙΣΤΟΣ ha detto...

Το καλύτερο τυρί που έτρωγα φανατικά τα τελευταία 30 χρόνια, αλλά είναι γεμάτο "αμαρτίες" και το σταμάτησα τελευταία (όταν λέω "αμαρτίες" εννοώ πολλά λιπαρά και πολύ αλάτι).
Όταν δεν υπήρχε στην Θεσσαλονίκη, τηλεφωνούσα στο Μέτσοβο και μου έστελναν πακέτο με το ταχυδρομείο.


Il miglior formaggio che ho mangiato religiosamente per gli ultimi 30 anni, ma è pieno di "peccati" e l'ultimo fermo (quando dico "peccati" significa sale molto grasso e troppo).
Quando ci fu a Salonicco, Telefono in Metsovo e mio pacchetto inviato per posta.

Φιλιά Θεσσαλονικιώτικα (χωρίς μετάφραση)!!!

Caterina - La cucina di Tatina ha detto...

...appunto, potrebbe non essere stata detta l'ultima parola: io tifo per questo formaggio DOP!!

stef@no ha detto...

sono particolari come questi che fanno le differenze tra le persone, fatti, luoghi e situazioni. Provate a parlare di questa vicenda ai tizi che stanno gestendo il consorzio della mozzarella di bufala campana e che vorrebbero estendere il marchio DOP anche alle produzioni eseguite con latte congelato, munto chissà dove oppure addirittura in polvere.
vedi, per esempio,
http://www.serviziopubblico.it/servizio_pubblico_piu/2013/06/20/news/una_vera_bufala.html
Il mio più grande "in bocca al lupo" al barone Tositsas e a tutte le persone integerrime come lui.

grEAT ha detto...

@amelie
grazie di cuore. lo stesso capita a noi; tiriamo dritto per arrivare a casa! tuttavia le volte che abbiamo "rubato" qualche giorno per girare nei dintorni non abbiamo avuto di che pentircene. noi sbarchiamo a Patrasso!

@stavros
δυστυχως τα περισσοτερα τυρια ειναι γεματα αμαρτιες, και εγω που ειμαι φανατικη λατρης τους, τα αποφευγω οπως ο διαβολος το λιβανι!!!! στο μετσοβο που? στο ιδιο το ιδρυμα?

@caterina
anche io caterina! speriamo in bene, anche perchè dispiace non poco rinunciare a una prestigiosa denominazione, ma comunque tanto di cappello per l'onestà.

@stefano
guarda, avevo in mente cose di questo tipo quando ho detto che la richiesta di essere esclusi dalla lista DOP solleva degli interrogativi. come fanno tutti a rispettare dei disciplinari rigidi, producendo comunque dei quantitativi enormi?

Chiara Giglio ha detto...

non ho mai mangiato questo formaggio durante i miei soggiorni in Grecia, mi auguro che la produzione possa riprendere al più presto e chissà che la prossima estate non riesca a mangiarlo ! Buona settimana cara Irene, un bacione...

Posta un commento