10/10/11

batzina

Le pites stanno ai  greci come la pasta sta agli italiani.
Si fanno ovunque, ogni regione ha le sue di tradizione; con la pasta oppure senza, con qualsiasi tipo di verdura, di formaggio, di carne,  in una miriade di abbinamenti e versioni.
A volte diventa difficile stabilire con certezza, non tanto la paternità della pita, ma la preparazione originale.  Nella stessa regione si trovano versioni diverse.
Basta spostarsi di qualche kilometro ed ecco che cambia. Certo, la base è la medesima, ma si disquisisce se ci va la verdura, quale, quale formaggio, quale carne….
Come nella migliore delle tradizioni.  E come nella migliore delle tradizioni, diciamolo pure, un po’ di campanilismo non guasta. Anzi, a me queste dispute piaciono non poco!!!

Per quanto riguarda questa pita, che si prepara nella regione di  Tessaglia, (Grecia centrale), la disquisizione è se ci va la zucchina oppure no.

Cercando l’etimologia del nome, mi sono imbattuta in un forum dove un utente diceva che la zucchina ci va assolutamente, e un altro che diceva assolutamente di no. La distanza che separa questi due utenti è di 40 kilometri scarsi.

D’altro canto, Anghelikì nella sua ricetta non ce l'ha. Dice però, che quando la si mette diventa kolokithobatzina. Ecco quadrato il cerchio.

La mia ricetta la prevede. Quindi l’ho messa. Inoltre avevo una zucchina bianca di orto, quindi pur di utilizzarla, sarei perfino  disposta a cambiare ricetta!

L’etimologia non sono riuscita a trovarla. Ma secondo me, con buona probabilità, deriva dal formaggio “batzos” che è della zona. Se è così devo dedurre che si usava questo formaggio per questa pita. Perché poi ora si faccia solo con la feta, persino nella zona del batzos, è un mistero.
Anzi, se qualcuno lo sa, me lo dica!

 Ingredienti:
-          1 zucchina media
-          200 gr. di farina
-          100 gr. di feta schiacciata con la forchetta
-          1 tazzina da caffè di olio evo
-          1 tazza da the di latte intero
-          ½ cucchiaino raso e scarso di lievito in polvere
-          sale (poco in quanto la feta è  saporita)
Procedimento:
Grattugiamo la zucchina e se è tanto acquosa (la mia lo era) la mettiamo in un colapasta con un po’ di sale e lasciamo per mezz’oretta.
Versiamo tutti gli ingredienti in un contenitore e amalgamiamo bene. Se abbiamo messo la zucchina a scolare con il sale non aggiungiamone altro.
La consistenza dovrebbe essere quella di una pastella un pò densa.

Foderiamo una teglia con della carta da forno e distribuiamo l’impasto. Lo spessore non dovrebbe superare i 2 cm. quindi ci regoliamo con la teglia di conseguenza.
Inforniamo e cuociamo per circa mezz’ora a 180 gradi.

10 commenti:

๓คקเ ☆ ha detto...

Buonissima questa pita zucchinosa, e pazienza se per alcuni la zucchina non ci va: vorrà dire che proverò la versione con e quella senza zucchina... giusto per vedere cosa ne dicono le mie papille gustative! :-)
Immagino che in quest'ultimo caso l'umidità della zucchina debba essere compensata da acqua o latte, dico bene?

Invece esprimo dispiacere sommo per il fatto che in Italia non si trovi il batzos: sarei proprio curiosa di sapere com'è. Per fortuna che almeno la Feta la troviamo.

Ciao!

irene ha detto...

@mapi
latte. se troppo densa aggiungi latte.
bacio

Isabel ha detto...

Dime Irene, feta el queso, verdad? y zucchina, un calabacín pequeño? pero de los verdes?
Quiero hacerlo!!!

ornella ha detto...

Cara Irene la zucchina l'avrei messa anch'io e dev'essere buonissima questa pita! La prima volta che trovo la mia amica che è originaria di Mataragka chiedo se la conosce. Un abbraccio

irene ha detto...

@isabel
si, feta e una zucchina verde. io ho messo bianca perchè l'avevo.

Lenia ha detto...

Adoro tutti i tipi di pittes!Una meraviglia!!!Bravissima,Irene!

Titti@CuisineOblige ha detto...

Voto per le zucchineeee :) :) squisita! bacioni

Labidú ha detto...

Que buena pinta tiene!!! seguro que está muy buena. Un saludo.

Anonimo ha detto...

Interessante, ma è proprio senza uova? Un saluto, Andrea

grEAT ha detto...

@andrea
si, è proprio senza uova.
un saluto a te

Posta un commento