12/06/11

spetzofai

Questo piatto arriva da Pilio. Una montagna  a ridosso della città di Volos, città natale di Giorgio De Chirico.
Appartiene al “nomos” (divisione politica) di Magnisia cui appartengono anche le isole sporadi settentrionali, Skiathos, Skopelos e Alonisos.
La montagna è alta 1642 mt, fitta di boschi di platani, querce , faggi, e secondo la mitologia era la residenza estiva degli dei e patria dei centauri.  
Dai boschi di Pilio, Argos, costruttore navale, prese la legna con la quale costrui “Argò”, la nave con cui Giasone e altri eroi della mitologia partirono per conquistare il vello d’oro.
Meta turistica di tutto l’anno,  abbina  un mare bellissimo  a dei bellissimi posti di  montagna, con diversi  villaggi costruiti rispettando i canoni dell’architettura locale.
Ingredienti: (per 2)
-          1 peperone verde o giallo
-          1 melanzana lunga
-          1 pomodoro grande maturo
-          2 salamelle (ovviamente in Grecia si usano le salsicce di Pilion)
-          1 spicchio di aglio tritato
-          1 peperoncino piccante
-          sale
-          4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
-          olio per friggere
Procedimento:
Lavare gli ortaggi e asciugarli. 
Tagliare il picciolo alla melanzane e tagliarla a dadini.
Tagliare il picciolo al peperone, togliere filamenti e semi e tagliare a falde sottili.

Versare dell'olio in una padelle e quando sarà bollente mettere a friggere melanzane e  peperoni per qualche minuto.  3-4 sono sufficienti. Toglierli con la schiumarola e sistemarli su carta assorbente per togliere l'olio in eccesso.

Con un coltello affilato incidere una croce sul fondo del pomodoro, metterlo in acqua bollente e lasciarlo per un minuto. Scolarlo, spellarlo tirando la buccia dai lembi della croce e tagliarlo a dadini raccogliendo i succhi che rilascia.

Prendere una pirofila e sistemare le verdure fritte, il pomodoro tagliato a dadini, l’aglio, il peperoncino, il sale e mescolare.
Spellare le salamelle, tagliarle  in pezzi di  3 – 4 centimetri e  aggiungerle  alle verdure. 
Versare l’olio extra vergine di oliva e cuocere al forno preriscaldato per circa 40 minuti a 180 gradi.

Ritirare dal forno, lasciare intiepidire leggermente e servire con del riso pilaf.



5 commenti:

SONIA ha detto...

Mi piacciono molto i piatti unici così saporiti ^_^

Marjlou ha detto...

sembra un ottimo piatto, molto gustoso! interessante l'introduzione alla ricetta!

Letiziando ha detto...

UNa sostanziosa quanto saporita proposta culinaria di tutto rispetto :)

LAURA ha detto...

Vorrei proprio provare questo piatto, mi pare molto invitante, un ottimo piatto unico!!!
A presto

annamaria ha detto...

Grazie tante con questo tuo post mi hai fatto ricordare la mia vacanza a Pasqua a Pilio.In un ristorante locale abbiamo mangiato lo spetzofai che era eccezionale.Con la neve fuori sembrava pù che Pasqua Natale, ma è stato bello anche così.Complimenti ancora.

Posta un commento