25/03/11

garides saganaki (gamberi in tegamino )


Confesso che questa pietanza non l’avevo mai mangiata quando vivevo in Grecia. In tutta onestà l’ho mangiata per la prima volta parecchi anni fa a casa di amici. Una bellissima casa a ridosso della spiaggia, con una veranda enorme. Proprio seduti su quella veranda abbiamo mangiato un’infinità di cibi, tra cui anche questo. Successivamente, ho chiesto all’amica la ricetta, l’ho fatta molte volte da allora, ed eccola qui.
Ingredienti:                                             
-          300 gr. gamberi
-          100 gr. di formaggio feta
-          250  gr. pomodori maturi grattugiati dalla parte grossa della grattugia
-          1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
-          1 peperone verde (di quelli da friggere)
-          1 piccola cipolla bianca
-          1 peperoncino piccante (facoltativo, ma io amo il piccante)
-          olio extravergine di oliva
-          sale
-          scaglie di pecorino (questa volta ho usato la ricotta salata che mi era rimasta dalla “Norma” e devo dire che il risultato è squisito)
Procedimento:
Togliamo la testa ai  gamberi, li sgusciamo e aiutandoci con uno stuzzicadente togliamo il budellino.
Li laviamo sott’acqua corrente, li mettiamo in un pentolino con acqua poco salata e li lessiamo per circa 5 minuti.
Togliamo i gamberi dal pentolino, filtriamo l’acqua e la teniamo.
Tagliamo a strisce sottili la cipolla e il peperone. Tritiamo il peperoncino.
In una padella versiamo un po’ di olio e soffriggiamo la cipolla con il peperoncino. Quando la cipolla sarà dorata, aggiungiamo il peperone e facciamo insaporire.
Aggiungiamo i pomodori freschi, e il concentrato di pomodoro diluito in una tazzina da caffè dell’acqua dove abbiamo lessato i gamberetti.
Saliamo poco, perché il formaggio che aggiungeremo è salato.
Dopo circa 10 minuti, quando l’acqua comincerà ad asciugare, aggiungiamo i gamberetti. Giriamo con un cucchiaio di legno e lasciamo cuocere per altri 5 minuti.
Sbricioliamo la feta e la aggiungiamo nella padella, facendo un paio di giri con il cucchiaio, di modo che si distribuisca uniformemente.
Cuociamo per 5 minuti. Versiamo il tutto in un tegamino, spargiamo sopra un po’ di pecorino a scaglie  e finiamo  la cottura nel forno per 10  minuti circa, a 200 gradi.
L’abbiamo mangiato con del riso parboiled venere, come piatto unico.




2 commenti:

Marina Parmigiani ha detto...

Deve essere squisita! Stasera la provo e domani ti so dire! Buona serata e grazie!

grEAT ha detto...

ok marina. ci conto!
irene

Posta un commento